A volte sono necessarie migrazioni del sito, ma le classifiche e il traffico possono diminuire se non stai attento.

Aggiornamenti del design, modifiche al dominio per un rebranding o unioni di siti Web necessarie possono richiedere una migrazione del sito Web . Ma, con così tanti pezzi in movimento, il potenziale di errori, sia dal punto di vista del ranking che dal punto di vista della funzionalità del sito, può aumentare se i proprietari del sito e i SEO non sono preparati.

Migrazione sito SEO: cosa fare e non fare

Migrazione sito SEO: cosa fare e non fare

Ecco alcune delle cose da fare e da non fare più importanti

Cosa fare durante la migrazione di un sito web

Ci sono molte attività coinvolte durante la migrazione di un sito, ma le seguenti sono fondamentali per preservare le tue classifiche.

Crea un inventario di vecchi URL . Prima di iniziare il processo di migrazione, gli esperti di marketing e i proprietari dei siti dovrebbero mettere insieme un elenco di tutti i loro URL correnti. Ciò stabilirà una linea di base da utilizzare come confronto con il nuovo sito. L’esecuzione di questo inventario scoprirà inevitabilmente errori URL come codici di stato 400/500 o catene di reindirizzamento, quindi i professionisti del marketing dovrebbero prenderne nota prima della migrazione. I SEO possono estrarre questi dati utilizzando uno dei tanti strumenti gratuiti di scansione .

Confronta le vecchie classifiche

La migrazione di un sito Web comporterà quasi sempre modifiche alla classifica e, se non conosci le classifiche originali, può essere difficile capire in primo luogo cosa abbia causato tali modifiche.

Prrendere nota delle classifiche del vecchio sito: “Vorrai confrontare le tue classifiche e qualsiasi metrica di performance che potresti avere. Avrai voglia di eseguire rapporti di analisi e chiederti: “Che classifiche ho in questo momento? Come si sta comportando [il sito] e come potrò andare avanti?’”

Crea un backup del vecchio sito

I proprietari dei siti dovrebbero eseguire regolarmente il backup dei loro siti, ma questo è ancora più cruciale durante il processo di migrazione. Se qualcosa va storto con il nuovo sito, avrai bisogno della vecchia versione su cui ripiegare. Gli esperti di marketing dovrebbero consultare uno sviluppatore per assicurarsi che ciò avvenga correttamente.

Pianificare la navigazione e la struttura del nuovo sito

La struttura del sito è fondamentale per il successo SEO di qualsiasi dominio. E mentre in definitiva dipende da te quale formato scegliere, bisogna implementare una struttura a silos con una gerarchia di pagine sul nuovo sito per garantire che il suo contenuto sia classificato in modo più efficace.

Quando sei pronto per migrare i tuoi contenuti al nuovo sito, assicurati di correggere gli errori identificati durante il processo di inventario e assicurati che tutto sia pronto per essere trasferito.

Cosa non fare durante la migrazione di un sito web

I SEO a volte possono essere così presi dall’elevato volume di attività di migrazione da non riuscire a impostare il nuovo sito per il successo. Ecco alcuni grandi “no-no” quando si tratta di trasferire il vecchio sito alla nuova versione.

Non eliminare il tuo vecchio sito

Molti proprietari di siti potrebbero essere tentati di eliminare il vecchio sito una volta che il nuovo sito è attivo e funzionante, ma vi consiglio di mantenerlo attivo per garantire che tutti i contenuti e i segnali vengano trasferiti: “Potresti mettere il vecchio sito sul disco rigido e rinominarlo la directory. Ci sono molte cose che potresti fare, ma assicurati di avere il tuo vecchio sito e non rimuoverlo se non è necessario”.

Alcuni webmaster finiscono per copiare il loro vecchio sito sul nuovo sito, solo per far fallire il nuovo sito. Avere il vecchio sito attivo, assicurandosi che venga reindirizzato alla nuova versione, è fondamentale in queste prime fasi nel caso qualcosa vada storto.

Non utilizzare il file robots.txt del sito di staging

Prima di utilizzare il nuovo sito live, non utilizzare il file robots.txt del sito di staging, che potrebbe impedire ai motori di ricerca di indicizzare il tuo sito. È sempre meglio avere una nuova versione pronta per essere caricata prima che il nuovo sito venga pubblicato.

Non pianificare la migrazione quando i livelli di traffico sono massimi

I proprietari dei siti dovrebbero evitare di spingere una migrazione mentre si verificano alti livelli di traffico. Ciò può interrompere l’esperienza degli utenti e, in definitiva, causare enormi perdite di traffico.

Aspetta che il tuo livello di traffico sia un po’ più calmo.

Se stai per migrare e c’è un periodo di riposo, quello è il momento giusto per farlo.

Niente panico se/quando le classifiche scendono

Ci sarà quasi sempre un cambiamento nelle classifiche dopo la migrazione di un sito, e va bene. A meno che non si verifichi un errore grave, come un problema di reindirizzamento dal vecchio sito, queste fluttuazioni dovrebbero essere temporanee. Google e altri motori di ricerca hanno bisogno di tempo per eseguire nuovamente la scansione del tuo sito e prendere nota delle modifiche.

Le migrazioni dei siti sono complesse in base alla progettazione, ma non devono essere disastrose per la tua SEO. Con la giusta pianificazione, esperti di marketing e proprietari di siti possono godere dei vantaggi di un sito nuovo di zecca dopo il trasloco.


Stai cercando un Consulente SEO?

Se stai cercando un consulente seo conttattami a [email protected] o al numero 345-8541524. Se hai bisogno di una seo audit del tuo sito per capire come sei posizionato e con quali parole chiave su Google, vai nella mia pagina Analisi Seo Gratuita  

La tua Azienda ha bisogno di un Corso SEO Aziendale?

Per maggiori informazioni contattati via mail  [email protected] o al numero 345-8541524.

Sei di Milano e hai bisogno di un Corso SEO?

Per maggiori informazioni contattati via mail  [email protected] o al numero 345-8541524.