Da Core Web Vitals fino al Knowledge Graph, semantica ed entità, ecco 5 concetti SEO importanti da comprendere

L’anno scorso ci ha portato un aumento vertiginoso dell’importanza della SEO con un focus raddoppiato sulla creazione della migliore esperienza utente possibile.

Dal lancio dell’indicizzazione mobile-first fino all’imminente introduzione dell’aggiornamento dell’esperienza della pagina di Google e dei Core Web Vitals, rimanere al passo con i concetti SEO fondamentali è fondamentale.

1. Core Web Vitals

Previsto il lancio a giugno di quest’anno, Page Experience e Core Web Vitals di Google sono qualcosa su cui i professionisti SEO tecnici e non tecnici devono essere al top ora.

I Core Web Vitals sono un nuovo insieme di standard che Google utilizzerà per valutare se una pagina offre una buona esperienza utente.

Queste metriche sono:

  • Largest Contentful Paint (LCP) : misura la velocità con cui viene caricato il contenuto principale di una pagina. Ciò dovrebbe verificarsi entro 5 secondi dall’atterraggio su una pagina.
  • First Input Delay (FID) : misura la velocità con cui gli utenti sono in grado di interagire con una pagina dopo avervi raggiunto. Ciò dovrebbe avvenire entro 100 millisecondi .
  • Spostamento cumulativo del layout (CLS) : misura la frequenza con cui gli utenti subiscono cambiamenti imprevisti del layout. Le pagine devono mantenere un CLS inferiore a 0,1 .

Google ha dichiarato che la soglia minima per tutti i Core Web Vital deve essere raggiunta per poter beneficiare del segnale di ranking associato.

Alcune delle cose chiave su cui concentrarsi includono:

  1. L’esperienza mobile.
  2. Compressione dell’immagine.
  3. Contenuto della pagina informativa.
  4. Velocità del sito e struttura tecnica.

 Leggi di più su Core Web Vitals di seguito:

  • Google: i principali elementi vitali del Web diventano segnali di ranking
  • Ricerca: aumento della classifica di Core Web Vitals per settore
  • Google sull’impatto previsto dell’aggiornamento di Core Web Vitals

5 concetti SEO che devi assolutamente conoscere

 2. Indicizzazione mobile-first

Google ha annunciato alla fine dello scorso anno che l’indicizzazione mobile first sarà la nuova norma.

Mobile First è arrivato. Ciò significa che i tuoi segnali di ranking verranno ora dalla versione mobile del tuo sito, non dalla versione desktop.

Circa il 57% di tutto il traffico web proviene da dispositivi mobili, che dovrebbe solo aumentare. Quello di cui potresti non essere a conoscenza è che avere un sito ottimizzato per i dispositivi mobili non è più sufficiente: ora devi essere “mobile-first”.

In altre parole, è ora di smettere di pensare ai dispositivi mobili come un’aggiunta al tuo sito desktop e iniziare a dare la priorità al tuo SEO per dispositivi mobili prima.

Ecco alcuni modi pratici per migliorare il tuo SEO mobile:

  • Fai il test di ottimizzazione mobile .
  • Correggi i collegamenti interrotti e i reindirizzamenti errati.
  • Comprime tutte le immagini non compresse.
  • Rimuovere i contenuti non riproducibili e le risorse bloccate (ad es. JavaScript, CSS, immagini specifiche).
  • Elimina i popup e gli interstitial invadenti.
  • Migliora l’usabilità mobile (ad es. dimensione del testo, configurazione del viewport, dimensione target del tocco).
  • Esegui un controllo del tuo sito per dispositivi mobili per trovare eventuali elementi aggiuntivi del sito (ad es. dati strutturati, tag del titolo) che puoi ottimizzare per dispositivi mobili.

5 concetti SEO che devi assolutamente conoscere

 

3.    Apprendimento automatico e automazione

L’apprendimento automatico è ora parte integrante degli algoritmi di ranking dei motori di ricerca: Google ha annunciato a marzo 2016 che RankBrain è il terzo segnale di ranking più importante .

L’ apprendimento automatico è strettamente correlato al tema della ricerca semantica. È un modo per i motori di ricerca di fare ipotesi plausibili sul significato di query ambigue e di fornire risultati di ricerca migliori nel complesso.

RankBrain e altri sistemi di apprendimento automatico esaminano il comportamento degli utenti per fornire i migliori risultati di ricerca possibili. Sfortunatamente, ciò che è ritenuto migliore per una query potrebbe non essere il migliore per un’altra, rendendo molto difficile l’ottimizzazione dell’apprendimento automatico.

La procedura consigliata consiste nel continuare a creare risorse solide ottimizzate per la ricerca e l’esperienza utente.

Al di là di Google e dei suoi algoritmi, l’apprendimento automatico e l’automazione stanno diventando una potente combinazione per i SEO, fornendo informazioni in tempo reale e automatizzando le attività ripetitive.

Questo può variare da:

  • Approfondimenti e audit SEO.
  • Attivazione e diffusione dei contenuti.
  • Collegamento interno.
  • Segnalazione.
  • Rilevamento automatico degli errori del sito Web e soluzioni rapide.

4.    EAT

Alcuni potrebbero essere sorpresi dal fatto che il concetto EAT non sia effettivamente nuovo. È apparso per la prima volta nelle linee guida sulla qualità di Google nel maggio 2014.

Questo concetto si concentra su Competenza, Autorevolezza e Affidabilità.

Sebbene EAT non sia un algoritmo, avrà un effetto indiretto sulle classifiche quando non seguirà le migliori pratiche che si concentrano sul garantire che il tuo sito abbia contenuti esperti e autorevoli di cui gli utenti si fidano.

eat seo

eat seo

5. Divario di conoscenza, semantica ed entità

L’obiettivo dell’aggiornamento Hummingbird di Google nel 2013 era quello di migliorare la precisione della ricerca comprendendo meglio l’intento del ricercatore.

Oggi, la ricerca semantica si è evoluta ancora di più e i motori di ricerca sono più bravi che mai a comprendere il contesto della query e le relazioni tra le parole.

L’obiettivo della ricerca semantica è che i motori di ricerca comprendano meglio le query in linguaggio naturale.

Quindi, se un utente chiede a Google “qual è la valutazione?” e sono in piedi davanti a un ristorante francese, idealmente Google potrebbe sapere che in questo contesto “esso” si riferisce al ristorante e il ricercatore vuole conoscere una valutazione a stelle.

Anche i dati strutturati e schema.org possono svolgere un ruolo in EAT.

Ci sono molte sottili sfumature nei meccanismi della ricerca semantica. In definitiva, ciò che significa per te è che una pagina autorevole che approfondisce un argomento specifico di solito si classificherà meglio di dozzine di pagine costruite attorno a parole chiave diverse.

Questo perché una risorsa completa è migliore nel fornire a Google (e, per procura, ai suoi utenti) tutto il contesto di cui ha bisogno per soddisfare l’intento del ricercatore.

I grafici della conoscenza aiutano Google a sfruttare i dati strutturati sugli argomenti e, utilizzando i dati semantici, a popolare il suo grafico della conoscenza.

Ciò crea opportunità per i professionisti SEO di creare contenuti su argomenti che potrebbero influenzare il grafico e la comprensione dei loro contenuti da parte di Google.

Ecco come creare contenuti che abbraccino meglio la SEO semantica:

  • Scegli un argomento ampio che sia rilevante per il tuo pubblico. Ad esempio, un centro di adozione di animali domestici potrebbe creare una pagina su diverse razze di cani.
  • Poni domande che ti aiuteranno a discernere l’intento del ricercatore. Ad esempio, la pagina sulle razze canine potrebbe mirare a rispondere a “temperamenti di razze canine diverse” o “razze di cani più facili da addestrare”.
  • Una volta compreso l’intento del ricercatore, crea contenuti che corrispondano. Rendi la tua risorsa il più ricca e approfondita possibile.
  • Crea pagine di destinazione aggiuntive per soddisfare altre ricerche che corrispondono alle intenzioni dell’utente.
  • Concentrati sulla creazione di “guide complete” e altri contenuti completi di sempreverdi. Includi parole chiave a coda corta e lunga pertinenti, ove appropriato.
  • Controlla il Knowledge Graph di Google per un’entità sulla tua attività e sui tuoi prodotti.
  • Prova a fornire a Google quante più informazioni possibili.

Conclusione

Mentre Google continua la sua spinta e si concentra sull’esperienza dell’utente, capire in che modo i concetti SEO chiave aiutano l’utente finale è vitale per il successo.

L’ottimizzazione dei contenuti per l’esperienza del consumatore e l’adozione di caratteristiche tecnologiche e tecniche per aiutare a scalare i tuoi sforzi SEO sta diventando la nuova normalità.

La SEO si è ora completamente allontanata dall’inserire la parola chiave giusta nella descrizione di una pagina per fornire esperienze più significative e migliori per i nostri utenti attraverso i nostri contenuti, le strutture e le prestazioni del nostro sito Web.


Stai cercando un Consulente SEO?

Se stai cercando un consulente seo conttattami a [email protected] o al numero 345-8541524. Se hai bisogno di una seo audit del tuo sito per capire come sei posizionato e con quali parole chiave su Google, vai nella mia pagina Analisi Seo Gratuita  

La tua Azienda ha bisogno di un Corso SEO Aziendale?

Per maggiori informazioni contattati via mail  [email protected] o al numero 345-8541524.

Sei di Milano e hai bisogno di un Corso SEO?

Per maggiori informazioni contattati via mail  [email protected] o al numero 345-8541524.