Come ti senti quando il cibo che ordini viene servito dopo una lunga attesa? O quando c’è una lunga fila dietro la cassa del supermercato?

Semplicemente lo odi.

Indovina un po’, ai tuoi spettatori non piace per niente quando il tuo sito si carica lentamente.

Peggio per te, mostrano il loro dispiacere dando al tuo sito meno visite e vendite.

Ogni secondo in più che il tuo sito impiega per caricare porta a:

  • Perdita dell’11% nelle visualizzazioni di pagina
  • 7% di conversione in meno
  • 87% di abbandono del carrello
  • Il 43% degli acquirenti si rivolge direttamente alla concorrenza

Il sito lento influisce notevolmente sulla tua capacità di attirare clienti e generare.

Ecco perché noi di Hosting Tribunal facciamo di tutto per valutare la velocità dei migliori provider di web hosting, sia per l’ hosting WordPress , Magento o qualcos’altro.

Se sei online, la velocità di caricamento è fondamentale.

Come velocizzare un sito allora? Felice che tu l’abbia chiesto.

Basta seguire le correzioni di velocità discusse in questo post. Puro e semplice.

Vedete, contrariamente a quanto molti credono, la creazione di un sito veloce ed elegante non è al di là della persona media.

Anche se non conosci alcun codice, puoi migliorare facilmente le prestazioni del tuo sito.

Ti mostrerò come procedere.

Ma prima di discutere qualsiasi passaggio per l’ottimizzazione della velocità del sito Web, chiariamo innanzitutto una cosa: la bassa velocità, se non risolta in modo rapido ed efficiente, è un problema che può spingere il tuo business online verso una tomba precoce.

L’importanza dell’ottimizzazione della velocità

In che modo la velocità del sito web influisce sulle conversioni? Ti rende più difficile convincere i visitatori a fare acquisti sul tuo sito?

Scommetti!

I tassi di abbandono del carrello salgono all’87% con un ritardo di caricamento di soli 2 secondi durante una transazione.

Lenta velocità = bassi tassi di conversione

Ma c’è di peggio…

Il caricamento ritardato della pagina trasforma i tuoi acquirenti per la prima volta in estranei.

La ricerca mostra che il 64% degli acquirenti online a cui non piacciono le prestazioni del tuo sito non tornerà.

E se ciò non bastasse, la prossima volta il 43% dei clienti insoddisfatti farà i propri acquisti presso il sito di un concorrente.

Ciò significa che la tua perdita è il guadagno dei concorrenti.

È l’ultima cosa che vuoi. Lo so.

Ma il fatto è che non deve essere così. Puoi anche convertire più spettatori in clienti a pagamento, mantenerli fedeli al tuo marchio e marciare con orgoglio verso il successo online se diventi serio, davvero serio, sull’ottimizzazione della velocità del sito web fin da questo momento.

Qual è un buon tempo di caricamento?

Se il tuo sito si carica in 3 secondi o meno, è accettabile. Qualsiasi cosa oltre i 3 secondi fa aumentare bruscamente la frequenza di rimbalzo.

La probabilità della frequenza di rimbalzo aumenta al 32% quando i tempi di caricamento aumentano da 1 secondo a 3 secondi. Tuttavia, questo numero per le pagine con tempi di caricamento di 5 secondi arriva fino al 90%.

Un altro studio rivela che il 75% degli utenti non rivisiterà una pagina che impiega più di 4 secondi per caricarsi.

Quindi la scritta sul muro è forte e chiara.

Se i tempi di caricamento della tua pagina superano i 3 secondi, devi fare del miglioramento delle prestazioni web la tua priorità numero uno.

Ma prima di lavorare sulla velocità, c’è un’altra cosa da fare…

Scopri il tempo di caricamento medio attuale del tuo sito.

Come misurare il tempo di caricamento?

Il tempo al primo byte (TTFB) e il tempo di caricamento della pagina sono due modi diversi per misurare la velocità della pagina.

TTFB misura il tempo impiegato dal browser di un utente per ricevere il primo byte dal tuo server dopo avergli inviato una richiesta HTTP.

TTFB dà un’idea del tempo di risposta del server ma non significa molto per gli utenti.

Un visitatore è più preoccupato di quando il suo browser caricherà l’intera pagina rispetto a quando quest’ultimo riceverà la prima rata della risposta del server.

Detto questo, un valore TTFB estremamente alto nel test di velocità del tuo sito Web può annunciare cattive notizie. Se il tuo server impiega molto tempo per inviare solo il primo byte, il caricamento dell’intera pagina Web potrebbe richiedere un’eternità.

Allora, qual è un buon punteggio TTFB?

Un valore TTFB inferiore a 200 millisecondi è perfettamente accettabile mentre qualsiasi cosa oltre i 500 millisecondi è lenta inizia a rallentare le prestazioni complessive.

Il tempo di caricamento della pagina, al contrario, misura il tempo impiegato dal browser di un utente per scaricare e visualizzare l’intera pagina web. Questa metrica, come probabilmente puoi immaginare, è più importante per l’esperienza dell’utente.

Dovresti cercare di mantenerlo il più basso possibile perché qualsiasi valore superiore a 3 secondi è troppo alto .

Esistono diverse applicazioni software gratuite che non solo misurano il tempo di caricamento della pagina, ma identificano anche i colli di bottiglia nascosti delle prestazioni e offrono risposte approfondite all’importantissimo come velocizzare una domanda su un sito web.

Ecco i 5 migliori strumenti gratuiti per monitorare la velocità del sito web. Poiché questi strumenti testano la velocità del sito Web in modo leggermente diverso, ti suggerisco di utilizzarli tutti per ottenere un’immagine più accurata.

Ad eccezione di Load Impact, tutti replicano l’esperienza dell’utente finale. Il primo, d’altra parte, si concentra su come il tuo server risponde all’aumento del carico.

GTMetrix

Potente e facile da usare, GTMetrix.com ti offre un report incisivo su tutto ciò che riguarda la velocità della pagina.

Puoi selezionare il tipo di browser (Firefox o Chrome), eseguire il test da 7 posizioni diverse e controllare le prestazioni del sito su diversi tipi di connessione (banda larga, cavo o mobile).

GTMetrix assegna al tuo sito un voto da F ad A ed elenca i dettagli più importanti della pagina.

Esamina le varie voci nel rapporto una per una per scoprire come si comporta il tuo sito su ogni singola cosa che influisce sul suo tempo di caricamento.

Dovrai investire del tempo per sfogliare tutte le risorse. Tuttavia, se desideri molti consigli pratici per velocizzare il sito Web, l’investimento di tempo ne vale sicuramente la pena.

Prova della pagina web

WebPage Test è dettagliato quanto GTMetrix ma offre più opzioni (oltre 40 posizioni di server e oltre 25 tipi di browser , inclusi dispositivi mobili).

Usarlo è un gioco da ragazzi. Incolla l’URL del tuo sito, seleziona la posizione del server e il browser e premi il pulsante Avvia test.

Questo strumento gratuito e open source acquisisce una serie di utili metriche e cataloghi e li visualizza in diverse tabelle e grafici per aiutarti a individuare i ritardi nelle prestazioni e aumentare la velocità del sito web.

Pingdom

Pingdom è uno dei servizi di monitoraggio di siti Web più popolari oggi.

Proprio come WebPage Test e GTMetrix, consente agli utenti di selezionare la posizione da cui desiderano eseguire il test. Tuttavia, Pingdom non ti consente di eseguire un test di velocità con browser diversi.

Pingdom copre tutti gli aspetti principali della velocità della pagina e visualizza le informazioni in modo pulito e compatto. Rispetto ai primi due strumenti, è meno completo.

Google PageSpeed ​​Insights

Vuoi sapere come velocizzare un sito Web subito?

Utilizza questo strumento gratuito per conoscere le prestazioni attuali del tuo sito e, soprattutto, ottenere suggerimenti avanzati basati sulle ultime best practice del settore per migliorare le prestazioni del sito.

A differenza di altri strumenti, Google PageSpeed ​​fornisce report sia per la versione desktop che mobile del tuo sito web.

Lo strumento valuta il tuo sito su una scala da 1 a 100. Più alto è il punteggio, meglio è.

Qualsiasi cosa oltre 85 è abbastanza buona . Se il tuo referto segna 85+, puoi darti una pacca sulla spalla per aver dato un buon spettacolo.

K6.io (in precedenza Carica impatto)

Uno strumento basato su cloud, K6 esegue un test di velocità del sito Web utilizzando utenti virtuali, fino a 50 nella versione gratuita, per registrare le prestazioni del tuo server quando viene messo a dura prova.

Puoi creare scenari di test per esplorare tutti gli angoli e le fessure del tuo server e del tuo sito. È ben supportato da una sezione di aiuto dettagliata, in cui troverai informazioni dettagliate su ciascuna parte dello strumento. Tieni presente che lo strumento è piuttosto difficile da configurare, soprattutto perché è stato rinominato e ha ottenuto un sacco di nuove funzionalità. Tuttavia, le opzioni di test e le informazioni che puoi ottenere sono fantastiche.

Tuttavia, qui manca la funzione cross-browser. K6 è progettato principalmente per controllare i colli di bottiglia nel codice e vedere quali parti ottimizzare per evitare picchi di traffico: non ha lo scopo di fornire una rappresentazione accurata dell’aspetto del sito Web ai visitatori. Tuttavia, se desideri eseguire test con browser diversi, dovrai provare un altro strumento.

9 modi per migliorare la velocità del sito web

La prima cosa che ti renderai conto quando esegui i test di velocità è che questi strumenti segnalano alcuni problemi comuni.

Questo perché, anche se più cose influiscono sulla velocità del sito, diverse tecniche di miglioramento funzionano in tutte le situazioni.

Ricorda anche che un sito ben codificato, WordPress o qualsiasi altro, prevale su uno mal codificato, in qualsiasi momento e in qualsiasi giorno.

Gli utenti di WordPress non devono preoccuparsi di problemi di codifica scadente purché utilizzino temi premium e plug-in testati.

D’altra parte, se disponi di un sito Web con codice personalizzato, assicurati di utilizzare un codice scritto che segua le migliori pratiche e ripulisci regolarmente i file di testo e immagine.

Ecco i nove migliori hack per velocizzare il sito Web che possono dare un colpo nel braccio delle prestazioni del tuo sito.

1. Compressione GZIP

I file di testo decompressi possono spaventare a morte un browser web. Dopotutto, scaricare un file HTML da 100 KB non può essere molto divertente.

Puoi semplificare la vita del browser chiedendo al tuo server di comprimere i file prima di trasmetterli.

I file compressi significano meno lavoro per il browser. E così carica rapidamente il tuo sito.

Tuttavia, la domanda è: quale tecnica di compressione utilizzare?

Il tuo server web non può tagliare i file nel modo che preferisce. Questo porterà all’hara-kiri.

Se il browser dell’utente non è in grado di spingere in gola la testa o la coda dei file compressi, sullo schermo non verrà caricato nulla.

Lo spettatore si arrabbierà, giurerà di non sprecare nemmeno un secondo in più sul tuo sito e premerà il temuto pulsante Indietro.

Ecco perché usa sempre una tecnica di compressione che i browser più diffusi possono leggere con facilità.

Allo stesso tempo, assicurati che i file siano compressi in modo sostanziale per favorire l’ottimizzazione complessiva della velocità della pagina.

GZIP può farlo facilmente.

La maggior parte degli host e dei browser Web supporta questa tecnica di compressione. Inoltre, può ridurre sostanzialmente le dimensioni dei file di testo, come i file HTML e CSS.

I file di testo contengono molto codice simile. GZIP sostituisce temporaneamente le stringhe di codice ripetuto e lo spazio bianco nei file HTML e CSS, rendendoli più leggeri in un istante.

Come attivare GZIP?

Tutto ciò che gli utenti di WordPress devono fare è installare W3 Total Cache, un plugin gratuito per WordPress, e seguire questi passaggi.

  1. Vai alla pagina Impostazioni di W3 Total Cache
  2. Fare clic su Cache del browser
  3. Seleziona la casella prima di Abilita compressione HTTP (gzip).

Questo è tutto.

In soli tre passaggi puoi abilitare GZIP e aumentare la velocità del sito web. Secondo un rapporto, questa tecnica di compressione riduce il tempo di caricamento di quasi il 70% .

Se il tuo sito è HTML statico, puoi abilitare la compressione Gzip aggiungendo uno snippet di codice nel file .htaccess. Il tuo host può dirti il ​​codice esatto, quindi ti consiglio di contattare il suo team di supporto.

2. Comprimi le immagini

GZIP è buono, molto buono, ma non può ridurre le tue immagini.

Questo perché non sono compressi allo stesso modo dei file di testo.

Ma comprimi le immagini che devi, poiché influiscono molto sulla velocità del tuo sito.

I file di immagine tendono ad essere grandi e come tali possono rallentare seriamente la velocità di caricamento. Senza tagliarli, farai sempre fatica a ottenere molta ottimizzazione della velocità della pagina.

Tuttavia, eliminarli è completamente fuori questione, in particolare se gestisci un sito di e-commerce.

In un rapporto, il 66% degli acquirenti online ha affermato di voler vedere almeno tre immagini di prodotti prima di acquistare.

Le foto dei prodotti ben cliccate possono aiutarti a migliorare la conversione, a condizione che si carichino rapidamente.

Questo è esattamente ciò che uno studio ha trovato. In esso, il 39% degli acquirenti online ha affermato di lasciare un sito se le sue immagini impiegano molto tempo per caricarsi o non si caricano affatto.

Puoi utilizzare Pingdom o qualsiasi altro strumento di test della velocità del sito Web per ottenere un’immagine esatta del tipo di impatto che le immagini stanno avendo su una determinata pagina Web.

Ecco i passaggi da seguire:

  1. Copia l’ URL della pagina che desideri testare
  2. Vai al sito ufficiale di Pingdom, incolla questo indirizzo nella casella dell’URL , seleziona una posizione del server e infine fai clic sul pulsante Avvia test
  3. Attendi un paio di secondi per il completamento del test, quindi passa a Richieste per tipo di contenuto per ottenere le informazioni desiderate

L’e-commerce e altri siti ricchi di immagini trarranno enormi benefici dalla compressione delle immagini, ma può fare un’enorme differenza per il tempo di caricamento complessivo della pagina per qualsiasi contenuto visivo.

Come comprimere le immagini?

Se sei un utente di WordPress, ti consiglio di utilizzare WP Smush . È leggero, facile da installare e funziona come un fascino. In pochi secondi può personalizzare tutte le tue nuove immagini. È una risposta estremamente utile a come velocizzare la mia domanda sul sito web.

Dopo aver caricato lo strumento, scegli l’ opzione Smash automaticamente le mie immagini al caricamento .

WP Smush ti consente anche di impostare larghezza e altezza massime. Se carichi un’immagine più grande dei limiti definiti, lo strumento la comprimerà automaticamente.

Se il tuo sito non funziona su WordPress, avrai bisogno di qualcosa come Compressor.io , uno strumento online per comprimere foto e immagini.

Vai semplicemente su questo sito, carica o trascina e rilascia un’immagine e seleziona il tipo di compressione che desideri, con perdita o senza perdita di dati. Lo strumento seleziona lossy per impostazione predefinita.

Quando scegli la compressione con perdita, una piccola parte di dati viene persa. Tuttavia, l’occhio nudo non può davvero rilevare la differenza.

D’altra parte, nella compressione senza perdita di dati, non c’è perdita di dati.

Naturalmente, le immagini compresse con perdita sono più piccole.

Se una pagina web contiene molte immagini, potresti voler optare per la compressione con perdita di dati per assicurarti di ottenere il massimo beneficio da questo semplice suggerimento fai-da-te per velocizzare il tuo sito web.

Quando i dettagli nitidi e le linee chiare sono una priorità assoluta, dovresti optare per una compressione senza perdita di dati.

Lo strumento inizia a comprimere l’immagine nel momento in cui la carichi e impiega solo pochi secondi per completare il lavoro.

Ora scarica semplicemente il file immagine compresso sul tuo desktop e poi caricalo sul tuo sito.

In alternativa, puoi semplicemente utilizzare un software di modifica delle immagini come Adobe Photoshop e farlo manualmente. Tali sistemi di solito hanno un’opzione per comprimere le foto per la pubblicazione sul Web una volta terminate tutte le modifiche.

La compressione delle immagini ti consente di velocizzare molto il caricamento delle immagini, quindi non ignorare questa correzione.

3. Reti di distribuzione dei contenuti: velocità e sicurezza

Il tuo server web spende potenza di calcolo per elaborare ogni richiesta di accesso al sito che riceve.

Quando il traffico è normale, va tutto bene. Può inviare rapidamente la pagina Web richiesta a un browser, senza sudare.

Tuttavia, si scatena l’inferno quando il traffico aumenta.

Quindi il server sbuffa e sbuffa e lavora instancabilmente come un soldato di fanteria, ma impiega ancora più tempo per completare ogni richiesta.

Come può non farlo?

Non hai ancora adottato i suggerimenti per l’ottimizzazione del sito Web testati nel tempo e il server ha risorse limitate. C’è solo così tanto che può fare in un singolo tick dell’orologio.

Di conseguenza, i tempi di caricamento per tutti gli utenti aumentano durante i periodi di traffico elevato.

Non va affatto bene perché gli utenti odiano un sito che non risponde. Se la pagina Web richiesta non viene caricata sui loro schermi in un paio di secondi circa, se ne andranno, con rabbia.

E invece di clienti felici, rimarrai con visitatori insoddisfatti, che non perderanno l’occasione di dire agli altri che il tuo sito è pigro come un mulo.

Un sondaggio rivela che per il 52% dei clienti , il tempo di caricamento della pagina è importante per potenziali visite future.

Allo stesso tempo, il 44% degli acquirenti afferma di condividere la propria brutta esperienza online con altri attraverso un sito di social network o un altro.

È chiaro, allora. Devi trovare un modo per aiutare il tuo server a gestire il diluvio di richieste che riceve durante le ore di punta in modo più efficiente.

Altrimenti, il miglioramento delle prestazioni web rimarrà un sogno irrealizzabile.

CDN nega la distanza

Oltre al traffico intenso, c’è un’altra cosa che può far aumentare i tempi di caricamento: una maggiore distanza fisica.

Anche se il tuo server impiegasse lo stesso tempo per elaborare ogni richiesta, la sua risposta impiegherà più tempo per raggiungere gli spettatori situati più lontano perché le informazioni devono viaggiare a una distanza maggiore.

A parità di tutti gli altri fattori, i tempi di caricamento per questi visualizzatori saranno sempre maggiori rispetto a quelli che sono fisicamente più vicini al tuo server.

Non c’è niente che il tuo server web possa fare qui. Le leggi della fisica bloccano le sue buone intenzioni.

Ma puoi fare qualcosa. In realtà molto più di una semplice cosa.

Puoi dare una mano al server e aumentare la velocità del sito Web assicurandoti che ci sia più di un paio di spalle che condividono le responsabilità di gestione del traffico del sito.

Hai mai sentito parlare di una rete di distribuzione di contenuti (CDN)?

È un sistema di server distribuiti in grado di velocizzare la consegna dei tuoi contenuti nelle ore di punta e agli utenti che sono molto lontani dal tuo server.

Fondamentalmente, quando usi una CDN, metti nella cache i tuoi contenuti statici su server diversi sparsi in tutto il mondo.

Ora, quando un utente fa una richiesta per vedere i tuoi contenuti, il server più vicino gestisce fisicamente la richiesta.

I server in una CDN, ovvero i server cache, lavorano fianco a fianco con il tuo server principale e aiutano a migliorare la velocità del sito web, proprio come mostra questa immagine.

Cloudflare è tra i migliori CDN , ma ci sono anche altre valide opzioni. È molto utile e facile da usare.

Molti dei principali provider di hosting di siti Web lavorano a stretto contatto con Cloudflare e l’integrazione è incredibilmente semplice.

CDN aumenta la sicurezza

Un altro importante vantaggio dell’utilizzo di una CDN è una maggiore sicurezza, poiché i server CDN possono mitigare gli attacchi DDoS .

Hanno meccanismi integrati contro tali attacchi. Certo, i migliori provider di web hosting implementano solide difese DDoS, ma un attacco ben orchestrato può comunque far cadere un singolo server con relativa facilità.

Una CDN può compensare l’afflusso di traffico, poiché la presenza stessa di una rete di server che gestisce il traffico in entrata mitiga le inondazioni di traffico.

Inoltre, se il tuo sito non funziona per manutenzione, i server CDN possono comunque mostrarne copie memorizzate nella cache agli utenti finali, aiutando notevolmente il tempo di attività complessivo.

4. Rimuovere i plugin inutili

Sapevi che WordPress ha più di 50.000 plugin?

È facile essere negligenti con loro e installarne alcuni di troppo.

Anche se molti plugin di WordPress non costano un centesimo, hanno un prezzo perché aumentano il carico sul tuo database.

Ogni volta che una pagina WordPress viene richiesta dagli utenti, controlla il database per informazioni. L’elaborazione di queste query di database richiede tempo e risorse.

Più plug-in fanno sì che il tuo database elabori un numero maggiore di query , ovvero lavora di più invano.

Oltre a mettere a dura prova il database, i plug-in aggiuntivi fanno gonfiare i database. Ciò può influire sulla loro efficienza e di conseguenza aumentare il tempo di caricamento.

Inoltre, i plugin che rimangono inutilizzati spesso vengono trascurati durante l’aggiornamento di WordPress. Plugin obsoleti compromettono gravemente la sicurezza.

Per farla breve, avere troppi plugin non è mai una buona idea. Quando ti chiedi come accelerare le prestazioni del sito Web, eliminare tutti i plug-in inutilizzati è sempre un buon punto di partenza.

5. Usa un buon host

Tutti gli host non sono uguali. Alcuni sono significativamente migliori di altri. Ecco perché li testiamo così attentamente.

La scelta dell’host giusto è fondamentale. Senza un host decente, non otterrai molti vantaggi dai suggerimenti condivisi in questo post.

Il tempo di risposta del server può variare notevolmente da un host all’altro.

In effetti, un rapporto afferma che mentre i buoni host hanno una velocità di caricamento di 0,7 – 0,8 secondi, gli host lenti possono raddoppiarla .

Un tempo di risposta del server lento può impedire al tuo sito di entrare nell’ambito club dei tre secondi, indipendentemente dal numero di altri suggerimenti per l’ottimizzazione del sito web che implementi.

Se la velocità di caricamento della pagina super veloce è la tua priorità assoluta, dovresti considerare Hostinger . Dopo mesi di test, è classificato tra i migliori qui su Hosting Tribunal, in quanto fornisce prestazioni stellari su tutti i parametri importanti, tra cui velocità di caricamento, velocità di caricamento sotto stress e tempo di attività. Inoltre, il team di supporto è ben informato e utile e può aiutare molto con l’ottimizzazione della velocità.

Naturalmente, quando si sceglie un host, è sempre consigliabile controllare più recensioni per avere un’idea più chiara se il provider di hosting è adatto a te o meno.

6. Minimizzazione

I file di testo, come i file HTML, CSS e JavaScript, possono essere piuttosto grandi.

Un modo semplice per aumentare le prestazioni del tuo sito è ridurre le dimensioni di questi file rimuovendo codice, spazio e formattazione indesiderati.

Importante: esegui il backup dei file prima di tentare questa e altre correzioni avanzate di ottimizzazione PHP. Se qualcosa va storto, puoi ripristinare i tuoi file con un solo clic. Puoi utilizzare un plug-in di backup gratuito di WordPress come BackupBuddy per eseguire backup o la procedura guidata di backup cPanel, inclusa nella maggior parte dei piani di hosting condivisi.

Come ridurre a icona i file di testo?

Se il tuo sito ha un codice personalizzato, gli sviluppatori dovrebbero averlo reso il più snello e pulito possibile. Tuttavia , ci sono strumenti di minimizzazione online che possono rimuovere caratteri non necessari e spazi vuoti in un’istanza.

Con WordPress, le cose sono ancora più facili.

Scarica e installa WP Rocket o qualsiasi altro plugin simile.

Se stai utilizzando WP Rocket, fai clic sulla scheda File statici e seleziona i tipi di file che desideri minimizzare (HTML, CSS e JS).

Alcuni provider di hosting, come SiteGround , potrebbero persino offrire un plug-in proprietario, quindi nemmeno questo è un must.

7. Memorizzazione nella cache

Se mi chiedessi come velocizzare il tuo sito web e dovessi darti una sola risposta, probabilmente sarebbe la memorizzazione nella cache. Se desideri un sito veloce e reattivo, non puoi dire di no alla memorizzazione nella cache.

Sebbene la memorizzazione nella cache sia un argomento piuttosto tecnico, il suo principio alla base è abbastanza semplice. E questo è tutto ciò che serve per capire l’importanza della memorizzazione nella cache.

Che cos’è la memorizzazione nella cache? In che modo aiuta a migliorare la velocità del sito?

In un inglese semplice e chiaro, la memorizzazione nella cache consente al tuo server web di inviare una pagina web a un ritmo molto più veloce a un browser dopo che è già stata consegnata una volta.

La rapida trasmissione di informazioni dal tuo server al browser dell’utente assicura che le tue pagine web si carichino rapidamente.

Ora capisci perché attivare la memorizzazione nella cache è un ottimo modo per accelerare il caricamento della pagina web.

Ma in che modo il server Web è in grado di fornire una pagina Web più velocemente la seconda volta? Perché non può pubblicare rapidamente la pagina la prima volta?

Supponiamo che un utente desideri visitare la tua home page e digiti l’indirizzo pertinente nel suo browser.

Nel momento in cui il server riceve la richiesta, calcola i parametri della pagina per fornire le informazioni rilevanti. Per essere in grado di elaborare questa richiesta, il server deve completare determinate azioni, che richiedono tempo (millisecondi ma comunque) e risorse.

Pochi istanti dopo un altro utente invia una richiesta per la home page.

Poiché la nuova richiesta è la stessa della precedente, il server ora sa già cosa deve essere fornito; ha già memorizzato nella sua memoria cache la “risposta”, la pagina completa . Non è necessario eseguire nuovamente i calcoli complessi.

Invece, consegna semplicemente la risposta al browser. Questo, come puoi immaginare, aiuta a migliorare la velocità del sito web.

La risposta che il server fornisce al secondo browser è in realtà un file HTML statico, che in pratica è un’istantanea della tua home page.

In entrambi i casi, il contenuto fornito è lo stesso, ma il server lo consegna molto più velocemente la seconda volta.

Come abilitare la memorizzazione nella cache?

Se il tuo sito ha un codice personalizzato, è meglio trovare un host con cache lato server abilitata. Che sia Varnish, una buona configurazione di nginX o qualcos’altro, puoi ottenere risultati eccellenti.

C’è una miriade di plugin gratuiti per la memorizzazione nella cache di WordPress, forse nessuno più popolare di W3 Total Cache.

Installalo e vai su Page Cache (è sotto Impostazioni generali ) e seleziona la casella accanto ad essa.

Se stai cercando un consiglio rapido su come aumentare la velocità del sito Web di un sito WordPress, questo è proprio quello che devi fare.

Per ottenere ancora più dettagli sull’ottimizzazione della velocità di WordPress, puoi consultare la nostra guida completa sull’argomento.

8. Caricamento asincrono

Un browser può caricare file di script come file JavaScript e CSS in modo sincrono o asincrono.

Quando selezioni il caricamento sincrono, il browser caricherà un file di script alla volta. Cioè, non caricherà nient’altro durante il caricamento di un file CSS o JavaScript.

I file di script sono più voluminosi di molti altri elementi della pagina e i browser in genere impiegano più tempo per caricarli.

Con il caricamento sincrono, lo spettatore potrebbe avere l’impressione che la pagina si carichi lentamente poiché le cose più importanti si caricano in un secondo momento.

Al contrario, la selezione del caricamento asincrono conferisce al browser una licenza per caricare altri elementi insieme ai file di script.

Se ti stai chiedendo come aumentare la velocità del sito Web in PHP, il caricamento asincrono è la strada da percorrere . Alcuni host web come FastComet lo offrono pronto all’uso, ma spesso è necessario installare il plug-in giusto o aggiungere la codifica corretta per ottenere questa ottimizzazione.

9. Rinvia i file JavaScript

Quando rinvii un file, il browser lo carica dopo altri elementi della pagina. Rinviare file di grandi dimensioni come i file JS ha molto senso perché possono ritardare il caricamento di altri contenuti.

Questo passaggio in realtà non accelera il tempo di caricamento di JavaScript. Tuttavia, garantisce che il browser dia maggiore priorità al resto dei tuoi contenuti.

Come abilitare il caricamento asincrono e rinviare i file Javascript?

Se vuoi velocizzare il caricamento di JavaScript, usa un plugin per WordPress come WP Rocket o un altro.

Se stai utilizzando WP Rocket, fai clic sulla scheda File statici e seleziona queste tre opzioni nella sezione CSS/JS che blocca il rendering :

  • Carica i file CSS in modo sincrono
  • Carica i file JS in differita
  • Modalità provvisoria (consigliata)

Il modo migliore per rinviare Java in un sito con codice personalizzato è caricare javascript appena prima del tag </body> del documento HTML. Un altro metodo consiste nell’aggiungere l’ attributo di rinvio allo script.

Per il caricamento asincrono, aggiungi async ai tuoi script. Ciò assicurerà che il browser carichi l’HTML che viene dopo lo script asincrono insieme ad esso.

Vale la pena ottimizzare la velocità?

Se non stai ricevendo tutto il traffico che ti aspetti o se i tuoi visitatori non trascorrono abbastanza tempo sul tuo sito, è ora di porsi una domanda che conta: come migliorare la velocità di caricamento del sito web?

La velocità influisce su tutte le cose che sono importanti per la tua attività, dal traffico della pagina alla frequenza di rimbalzo, dalla soddisfazione dei clienti, alla fedeltà dei clienti, alle conversioni e al tasso di acquisto ripetuto.

In breve, se ignori le prestazioni del sito web, i tuoi profitti ne risentiranno .

Alla grande.

Diversi fattori influenzano la velocità della pagina, ma non è necessario risolverli tutti in una volta.

Esegui test di velocità utilizzando strumenti di benchmark gratuiti per identificare le lacune di prestazioni più profonde che ostacolano la velocità del tuo sito.

Inizia con loro per ottenere il massimo beneficio nel minor tempo possibile. Molti degli hack su come velocizzare un sito web discussi sopra sono infatti molto facili da implementare, anche per i siti con codice personalizzato.

Quindi non lasciare che la velocità ti impedisca di realizzare il tuo sogno di diventare un imprenditore o blogger online di successo.

Internet è tutto tuo da conquistare. Tutto ciò di cui hai bisogno è un sito veloce.


Stai cercando un Consulente SEO?

Se stai cercando un consulente seo conttattami a [email protected] o al numero 345-8541524. Se hai bisogno di una seo audit del tuo sito per capire come sei posizionato e con quali parole chiave su Google, vai nella mia pagina Analisi Seo Gratuita  

La tua Azienda ha bisogno di un Corso SEO Aziendale?

Per maggiori informazioni contattati via mail  [email protected] o al numero 345-8541524.

Sei di Milano e hai bisogno di un Corso SEO?

Per maggiori informazioni contattati via mail  [email protected] o al numero 345-8541524.